Tu ca nun chiagne

Comm’è bella ‘a muntagna stanotte,
bella accussí, nun ll’aggio vista maje!
N’ánema pare, rassignata e stanca,
sott”a cuperta ‘e chesta luna janca.
Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,
tu, stanotte, addó’ staje?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist’uocchie te vonno,
n’ata vota, vedé!Comm’è calma ‘a muntagna stanotte,
cchiù calma ‘e mo, nun ll’aggio vista maje!
E tutto dorme, tutto dorme o more,
e i’ sulo veglio, pecché veglia Ammore.Tu ca nun chiagne e chiágnere mme faje,
tu, stanotte, addó’ staje?
Voglio a te!
Voglio a te!
Chist’uocchie te vonno,
n’ata vota, vedé!

Come è bella la montagna stanotte,
bella così non l’ho vista mai!
Un’ anima pare, rassegnata e stanca,
sotto la coperta di questa luna bianca.

Tu che non piangi e piangere mi fai,
tu, stanotte, dove sei?
Voglio te!
Voglio te!
Questi occhi ti vogliono,
un’altra volta, vedere!

Come è calma la montagna stanotte,
più calma di così, non l’ho vista mai!
E tutto dorme, tutto dorme o muore,
ed io solo veglio, perché è sveglio l’Amore.

Tu che non piangi e piangere mi fai,
tu, stanotte, dove sei?
Voglio te!
Voglio te!
Questi occhi ti vogliono,
un’altra volta, vedere!

 

Poesie

About author

Una poesia di Guido Machetto

“Proseguo per la cresta, la vetta non è lontana. Sale la nebbia, pettina la parete ed esce come un’onda dalla punta per fare un looping ...