Torre Germana

  • Destinazione: Torre Germana
  • Zona alpina: Alpi Cozie [sez. 4]
  • Regione: [IT] Piemonte
  • Gruppo montuoso:
  • Valle: Stretta (Valle)
  • Difficoltà: D
  • Data: 21/09/2016
  • Traccia GPX: Non disponibile
  • Partenza: Valle Stretta, Névache
  • Altitudine partenza: 1702
  • Altitudine arrivo: 2197
  • Dislivello: 495
  • Attacco percorso: ponte appena dopo la bergeria con un cartello indicatore.
  • Esposizione: sud-sud-ovest
  • Punti di appoggio: Nessuno

Spigolo Boccalatte, difficoltà D+, via  aperta da Boccalatte – Piolti – Rivero nel 1935, ritoccata da  Gervasutti nel 1936.

Difficoltà: D+ 250 metri di sviluppo, 5+ max / 4 obbligatorio. Note: roccia delicata nei tratti più facili. Attrezzatura per progressione su roccia e protezioni veloci. I passaggi più impegnativi sono ben protetti e le soste sono comode e su spit mentre i tiri più facili sono con meno protezioni.

Lo spigolo sud-sud-ovest, alla Torre Germana, posto sul versante sud della Punta Gasparre, è stato scalato nel  1935, dalla cordata formata da Gabriele Boccalatte, Mario Piolti, Michele Rivero. L’anno successivo, nel 1936, è la volta di Giusto Gervasutti, che ritocca l’itinerario salendo direttamente sullo spigolo anche il primo torrione, che da lui successivamente prenderà il nome.

La Torre Germana  nel tempo è divenuta una classica di arrampicata. Alcuni anni or sono le Guide Alpine di Bardonecchia ritoccarono il percorso aggiungendo alcuni spit nei punti cruciali e attrezzando con catena la breve calata dal primo torrione.

La via Gervasutti allo spigolo Boccalatte della Torre Germana, nonostante gli spit messi e la catena di calata dal primo torrione, rimane un itinerario alpinistico di tutto rispetto sul quarto grado superiore.

Accesso

Per arrivare alla partenza da Bardonecchia (TO) seguire la strada in direzione frazione Melezet, giunti al bivio per il Colle della Scala, girare a destra per la Valle Stretta e superata la Parete dei Militi, sulla sinistra, parcheggiare sulla destra nei pressi della bergeria, vicino a un cartello indicatore e a un ponticello.

IMG_8987

Cartello

Itinerario

Attraversare il ponte sul torrente e tornare indietro verso valle sul sentiero che lo costeggia.

IMG_8989

Sul sentiero

Giunti su di una pietraia risalirla seguendo il sentiero, presenza di ometti sul percorso, tratto  faticoso.

IMG_8990

Su pietraia

IMG_8994

La Torre Germana

Dopo circa un’ora si arriva  in corrispondenza della forcella che divide la Torre Germana dal torrione della Monaca, che è un pilastro che ha le sembianze di una monaca in preghiera.

IMG_8995

Il torrione della Monaca

Attraversare quindi il canalone  e per tracce di sentiero sbucare sulla cresta. Da qui salire per balzi rocciosi e poi piegare a destra su un pendio erboso fino all’attacco della via dello Spigolo Boccalatte allaTorre Germana.

IMG_9000

All’attacco

Disegno via alla Torre Germana

Disegno della via, preso dal sito delle guide di montagna AltoX.it

IMG_9001

Inizio della via

IMG_9002

Angelo sulla via

IMG_9016

Angelo da primo di cordata

IMG_9020

In vetta alla Torre Germana

IMG_9021

Roberto vicino alla Madonnina sulla Torre

Traccaiato via

Tracciato della via, foto presa da AltoX.it

Ritorno

Per la discesa dalla vetta seguire il sentiero segnalato da ometti verso la cima secondaria, scendendo verso est e poi per un canalino fino a una forcella (ometto)  che nasconde la catena per la doppia di 25 metri dopo i quali, raggiunta una cengia, traversare verso sinistra (nord) e con una breve calata di 10 metri portarsi sul colletto.  

Per poi discendere faticosamente il detritico pendio in direzione nord aggirando la torre sottostante e riguadagnando  le tracce del percorso di salita, almeno 40 minuti per il rientro alla base.

About author

Roberto Gardino

Sono un insegnante di Educazione Fisica, appassionato di montagna, sempre alla scoperta di nuove mete. Ho fondato, con amici, la Compagnia della Cima. Sono attento all'educazione dei giovani, andando spesso in montagna con gruppi numerosi.