Pointe de Charbonnel

  • Destinazione: Pointe de Charbonnel
  • Zona alpina: Alpi Graie [sez. 7]
  • Regione: [FR] Auvergne-Rhône-Alpe
  • Gruppo montuoso: Levanne
  • Valle: Arc (Valle dell')
  • Difficoltà: PD
  • Data: 08/06/2009
  • Traccia GPX: Non disponibile
  • Partenza: Vincendières
  • Altitudine partenza: 1830
  • Altitudine arrivo: 3752
  • Dislivello: 1922
  • Attacco percorso: poco dopo il parcheggio a destra oltre il ponte, quindi si volta a destra e si segue la strada sterrata
  • Esposizione: nord
  • Punti di appoggio:

Un ghiacciaio a forma triangolare domina questa bella montagna, la più alta dell’Haute-Maurienne.

Cima posta interamente in territorio francese, Alpi Graie e si colloca a nord del Rocciamelone, a ovest della Croce Rossa, e a sud della Bessanese. La montagna domina l’abitato di Bessans e di Avérole nella Maurienne.

Accesso

Dal Colle del Moncenisio si scende a Lanslebourg, in Francia, si risale la Val Cenis. Poco dopo l’abitato di Bessan si svolta a destra per la Valle dell’Avérole. Si supera il villaggio di Vincendières, dove è necessario lasciare l’auto in un ampio parcheggio, la strada  è chiusa al traffico.

Itinerario

Poco dopo il parcheggio, oltre il divieto di transito, si attraversa il torrente su un ponte, si volta a destra e si segue la strada sterrata che, dopo alcuni tornanti, finisce in una piccola radura. Da essa subito a destra (ometto) si stacca un ripido sentiero che si percorre per inoltrarsi in un bosco di pini, si passa vicino a un piccolo tunnel dell’EDF.

Si raggiungono poi i pendii erbosi superiori sulla riva sinistra del Ruisseau de Charbonnel. Si prosegue quindi sulla traccia, segnata da bolli gialli fino alla quota di 2420 m. Non si prende la diramazione verso destra e si prosegue nella salita su un sentiero a mezzacosta, che attraversa un primo e successivamente, a quota 2500 m, un secondo torrente, prestare attenzione nel suo attraversamento se la portata d’acqua è significativa.

1 salendo 8

Sul sentiero a mezzacosta sopra le nuvole

Si continua a seguire i bolli gialli e gli ometti e si raggiunge un vasto piano inclinato alla base della bastionata che sorregge il ghiacciaio.

1 salendo 15

Salendo prima della bastionata

Si arriva ad una spianata, posta a quota 2900 m, circa. Lì  sono presenti alcune postazioni per bivaccare, costituite da muretti di pietra. Poco oltre queste si piega gradatamente verso destra, avendo come riferimento un canale-camino di rocce rotte.  (Attenzione: a inizio stagione la prima parte del canale è in neve e bisogna tenere conto che le pendenze arrivano a 45°,  a fine stagione invece può essere più scivoloso).

Dopo un tratto di lieve pendenza, si giunge in prossimità dell’inizio del ghiacciaio, evitando le imponenti seraccate ben visibili a sinistra.

3 Giacciaio 2

Sul ghiacciaio della Pointe de Charbonnel

Si attacca il ghiacciaio più o meno al centro percorrendo un primo lungo e ripido dosso nevoso (inclinazione massima di  30°), si arriva poi nella parte centrale del ghiacciaio da dove si vede bene la cima e la crepaccia terminale.

Ci si dirige  al centro della terminale per piegare progressivamente a NE in corrispondenza del suo termine e dell’ultimo tratto, ripido con pendenze inferiori ai 40°, da cui si raggiunge la cresta.

3 Giacciaio 23

La pendenza aumenta

Rimangono pochi metri da salire sull’aerea vetta.

4 in cima 3

In prossimità della vetta della  Charbonnel

4 in cima 76

Angelo in cima alla Pointe de Charbonnel

4 in cima 9

Angelo e Roberto sulla cima

Panorama fantastico!

Ritorno

Discesa per lo stesso itinerario.

5 scendendo 14

Scendendo sul ghiacciaio

5 scendendo 18 ometto all'attacco del ghiacciaio

Nella foto si vede l’ometto posto al termine del ghiacciaio poco prima del canale-camino.

Essendo necessario partire presto, magari col buio, data la lunghezza dell’escursione si può pernottare in tenda nei pressi del parcheggio.

Materiale: corda, piccozza e ramponi.

Immagine del percorso presa da www.camptocamp.org

 

 

About author

Roberto Gardino

Sono un insegnante di Educazione Fisica, appassionato di montagna, sempre alla scoperta di nuove mete. Ho fondato, con amici, la Compagnia della Cima. Sono attento all'educazione dei giovani, andando spesso in montagna con gruppi numerosi.

Ultima parte della salita

Tête de la Frema

Escursione in Val Maira, al fondo del Vallonasso di Stroppia, alla Tête de la Frema, un belvedere con in primo piano l’Aiguille e il Brec ...