Piz Beverin

  • Destinazione: Piz Beverin
  • Zona alpina: Alpi Lepontine [sez. 10]
  • Gruppo montuoso: Gruppo del Beverin [Alpi dell'Adula]
  • Regione: [CH] Grigioni
  • Valle:
  • Difficoltà: BS
  • Data: 31/03/2019
  • Traccia GPX: Scarica
  • Partenza: Mathon
  • Altitudine partenza: 1527
  • Altitudine arrivo: 2997
  • Dislivello: 1470
  • Attacco percorso: appena sopra il parcheggio di Mathon
  • Esposizione: sud-sud-ovest
  • Punti di appoggio:

Un posto ideale per lo scialpinismo, molto conosciuto tra gli scialpinisti di lingua tedesca, ma anche dai ticinesi: il Piz Beverin nelle Alpi Lepontine, Cantone dei Grigioni, salito da Mathon.

Molto frequentate le montagne sottostanti della costa est: Parpeinahorn 2609 m, Einshorn 2457 m e Zwölfihorn 2292 m. Le salite si possono effettuare anche dopo una bella nevicata senza troppi pericoli di valanghe.

Accesso

Si oltrepassa il Traforo del S. Bernardino e si prosegue sull’autostrada verso  Chur. Quindi si oltrepassa Splügen, Rofla e si esce dall’autostrada, indicazioni per Zillis. Si prosegue lungo la statale e si raggiunge Zillis, 983 m, e da qui si seguono le indicazioni per Donath, Mathon. Dopo nove km si giunge a Mathon e si parcheggia nello spiazzo posto all’ingresso del paese.

Itinerario

Dal bel paese di Mathon, 1527 metri, 

Entrata nel paese di Mathon

Parcheggio di Mathon

si segue inizialmente la stradina appena sopra il parcheggio.

Si risalgono i bei pendii soprastanti attraverso una serie di radure di abeti rossi e larici e poi, con direzione nord-ovest, si taglia ancora per un rado boschetto e si raggiunge l’alpeggio di Tgoms, posto a 1932 m, con diverse baite sparse sugli ampi e bellissimi pendii prativi.

Entrata nel lariceto

Alpeggio di Tgoms

Verso quota 2159 m

Spostandosi più a sinistra, si sale prima su dolci pendenze e poi con un lungo falsopiano si costeggia il torrente della Val Mirer. Giunti in prossimità della base del Beverin Pingt a circa 2000 m, si attraversa il torrente e dopo un altro breve tratto semipianeggiante, con direzione ovest e poi nord-ovest, si sale su terreno ora più ripido puntando al Beverin Pingt.

Si vede a sx la traccia della via di salita (la prima cima: Beverein Pingt. A dx (cerchio,  fine della scala), la discesa (con neve sicura!)

Per raggiungere questa punta, a circa 2591 m, spesso occorre togliere gli sci per qualche metro.

Il tratto senza sci

Ultimi passi senza sci

Verso quota 2769 (scala)

Qui si scende da una breve (10 m) ma ripida e completamente verticale scaletta metallica che permette di superare un salto di rocce e giungere a una sella.

Sci sul sacco e si scende lungo scala

La scala

Attenzione alla fine della scala (ghiaccio!)

Alla sella si rimettono gli sci e si prosegue per la cresta sud-est che senza difficoltà porta in vetta.

La sella

Vetta del Piz Beverin

Segnale

Ritorno

Per l’itinerario di salita.

Oppure, come abbiamo fatto noi, ma con neve assolutamente sicura, dalla sella sotto la scaletta si scende a sinistra per un canale inizialmente stretto e ripido (35°) ma che poi via via si allarga e si addolcisce, che riporta al pianoro sotto il Beverin Pingt.

Primo tratto di discesa dalla sella 35°

Percorso di discesa

Materiali: dotazione normale da scialpinismo.


Piz Beverin

About author

Intervista a Michele Cucchi

Morti sul Rosa. L’opinione e i consigli di Michele Cucchi Da montagna.tv, intervista di Francesca Cortinovis Abbiamo chiesto a Michele Cucchi, guida alpina di Alagna ...