Nuovo libro di Marco Blatto

“Ascensioni, escursioni e traversate nei bacini Gura – Mulinet – Levanne” scritto dal nostro amico Marco Blatto, edito dal CAI di Venaria

Il nuovo libro di Marco Blatto, dalla sua presentazione: “Questa monografia non parla però soltanto di ascensioni alpinistiche d’impegno, ma anche di escursioni e traversate per tutti, primo passo per avvicinarsi al più complesso ed esigente mondo dell’alpinismo”.

Non si contano più le volte che ho percorso questa porzione di Alpi Graie meridionali, prima, nel tentativo di ripetere quelle vie che avevano così profondamente segnato un lungo periodo della storia dell’alpinismo torinese, poi, alla ricerca di prime ripetizioni, prime invernali e nuove possibilità di salita in stile tradizionale.

Ho così maturato negli anni un profondo interesse alpinistico e geografico per quest’angolo selvaggio delle Alpi, sicuramente guidato, agli esordi, dalla mirabile monografia di Luigi Vaccarone: “La parete terminale della Val Grande di Lanzo” pubblicata sul Bollettino CAI del 1887. Sono quindi rimasto affascinato dalla figura di Giuseppe Corrà, vero precursore di quell’alpinismo esplorativo che nella seconda metà dell’Ottocento avrebbe superato il tradizionale rapporto professionista-cliente, aprendo le porte al successivo “alpinismo senza guida”.

Altrettanto fascino l’hanno esercitato le salite un po’ visionarie qui effettuate dell’amico Andrea Mellano, così come quelle di “ricerca” di Ugo Manera, esaustivamente raccontate in un’ulteriore pregevole monografia per la Rivista del CAI dell’aprile 1970. E certo non potrei dimenticare Firmino Palozzi, detto “Palo”, Gian Piero Motti, Gian Carlo Grassi, che come altri nomi dell’alpinismo accademico subalpino hanno fortemente impresso la storia di questo microcosmo roccioso, che non ha nulla da invidiare, per severità e isolamento, ad altri gruppi più blasonati delle Alpi occidentali.

Su queste montagne si è preservato un terreno di gioco del tutto privo di quelle facilitazioni che, un’ottusa corrente di pensiero, vorrebbe assumere quale biglietto assicurato per l’andata e il ritorno alla cima o alla parete. Ciò significherebbe soltanto consegnare l’alpinismo alla mediocrità, privando l’azione della sua naturale componente di incertezza e di rischio”.

Chi è Marco Blatto: Alpinista, geografo, giornalista e scrittore di montagna, è istruttore di arrampicata sportiva e di nordic-walking. Cresciuto ai piedi del Monte Bianco per poi trasferirsi nelle Valli di Lanzo, ama definirsi un alpinista “classico” ed ha aperto numerose vie in alta montagna su roccia e ghiaccio, soprattutto nelle Alpi nord-occidentali, facendo riferimento a uno stile prettamente tradizionale. Accademico e Testimonial del Gism (Gruppo Italiano scrittori di montagna), è membro attivo del GHM francese e dell’Alpine Climbing Group Britannico.

Unendo studi, lavoro ed esperienza alpina, è apprezzato autore di oltre 50 pubblicazioni sulle Alpi, di saggi storici e di etica in alpinismo. Il suo motto è “cercare sempre buoni maestri, guardare le montagne con gli occhi della prima volta e non rinunciare mai al sentimento della meta”.

Con lui organizziamo da anni corsi di arrampicata per studenti presso la SASP di Torino.

Il libro è disponibile presso la Libreria Editrice La Montagna Torino in via Paolo Sacchi, 28 bis (Vedi anche il sito)

About author

Roberto Gardino

Sono un insegnante di Educazione Fisica, appassionato di montagna, sempre alla scoperta di nuove mete. Ho fondato, con amici, la Compagnia della Cima. Sono attento all'educazione dei giovani, andando spesso in montagna con gruppi numerosi.

Col cuore a 4000 metri

Vacanza in montagna di una comunità sudamericana, articolo di Michele Faldi su TRACCE n.6 Giugno 2005  Cosa c’è di diverso nella vacanza di una comunità ...