Pic de la Grave

Pic de la Grave
  • Destinazione: Pic de La Grave
  • Zona alpina: Alpi del Delfinato [sez. 5]
  • Regione: [FR] Auvergne-Rhône-Alpe
  • Gruppo montuoso: Écrins
  • Valle: Romanche (Valle della)
  • Difficoltà: PD
  • Data: 17/08/2015
  • Traccia GPX: Non disponibile
  • Partenza: La Grave
  • Altitudine partenza: 3211
  • Altitudine arrivo: 3669
  • Dislivello: 458
  • Attacco percorso: usciti dalla cabinovia, seguire la pista che porta verso il ghiacciaio
  • Esposizione: nord
  • Punti di appoggio: eventualmente Refuge Evariste Chancel

Nel Massiccio degli Écrins una montagna di 3669 m, il Pic de la Grave, raggiungibile in giornata grazie alla funivia.

Accesso

Da Cesana Torinese, si sale seguendo la SS 24 che conduce prima a Clavière, si oltrepassa il confine di Stato nei pressi del Monginevro e scende con la statale N94 a Briançon. Dalla piazza centrale occorre svoltare a destra al primo bivio per imboccare la D1091, verso il Col de Lautaret e Col de Galibier. Si oltrepassano in sequenza i centri abitati di Saint Chaffrey, La Salle-les-Alps, Monêtier-les-Bains. Si continua in salita fino a raggiungere il Col du Lautaret. Si scende sulla sinistra lungo la D1091, superando il villaggio di Villar d’Arène per raggiungere infine La Grave. In paese a sinistra, scendendo, c’è un parcheggio nei pressi della partenza della cabinovia, Téléphérique des Glaciers de la Meije.

IMG_8508

Itinerario

Per la via normale al Pic de La Grave dal Col des Ruillans per il versante nord, il dislivello è contenuto, arrivo a 3211 m. La prima corsa delle cabinovia da La Grave è alle 9, mentre l’ultima corsa in discesa dal Col des Ruillans è alle 16,45.

Si esce dall’edificio della cabinovia e si prosegue su una pista che porta al ghiacciaio, dopo poco si scende brevemente e si incontra il ghiacciaio, da lì in poi calzati i ramponi si prosegue in cordata.

IMG_8512

Pic de La Grave

 

IMG_2977

Pic de La Grave in primo piano, la cima è a sinistra

 

Si segue la traccia sul  Glacier de la Girose che si tiene inizialmente al centro del ghiacciaio, leggermente sulla destra di uno skilift, telesky de la Girose, facendo attenzione agli eventuali crepacci,  successivamente portarsi verso sinistra, in direzione del  Pic de la Grave. Si supera un avvallamento del ghiacciaio, volgendo decisamente a sinistra e poi a destra portandosi alla base del ripido versante nord.

IMG_2986

Avvicinamento sul ghiacciaio

IMG_3006

Prima della crepaccia terminale

IMG_3008

Superamento della crepaccia terminale

Si supera un primo crepaccio terminale, a volte risulta coperto, e si sale a destra in vista del seracco, sotto il quale si trova il secondo crepaccio terminale; arrivati nei pressi del crepaccio si deve superare un breve muretto piuttosto ripido. Noi abbiamo trovato il muretto verticale ghiacciato che, sia pur breve, richiede attenzione nel superamento per il ghiaccio vivo, in particolare in discesa.

Si punta verso una paretina rocciosa che scende dall’anticima, per poi traversare in diagonale a sinistra sopra il seracco e nuovamente verso destra puntando alla selletta posta tra la cima, a sinistra, e l’anticima, a destra.

IMG_3045

Sul pendio

 

Poi rimane un bel pendio abbastanza ripido (pendenza dai 40° ai 45°), delicato se affiora ghiaccio vivo.

IMG_3014

 

IMG_3011

Prima della cresta rocciosa  finale

La cresta rocciosa a nord-est che conduce alla vetta se è in buone condizioni non presenta particolari difficoltà, comporta il superamento di facili passaggi di arrampicata (I e II) su blocchi e gradoni di roccia discreta, qualche tratto è un po’ aereo, mai difficile.

IMG_8523

Angelo sulla cima

IMG_8538

In discesa

 

Ritorno

Per la discesa, il percorso è quello dell’andata; in condizioni di ghiaccio, sul pendio ripido utili chiodi da ghiaccio per scendere in sicurezza.

Se qualcuno volesse compiere la salita in due giorni, è possibile utilizzare il Rifugio Chancel, raggiungibile con 1 ora di cammino dalla fermata intermedia della cabinovia, Gare de Peyrou d’Amont,  2416 m, sempre aperto e gestito nel periodo estivo.

La prima ascensione risale al 14 luglio 1874 ad opera di W. A. B. Coolidge con Christian Almer et R. Kauffman.

Dotazione: corda, ramponi, piccozza, casco.

About author

Roberto Gardino

Sono un insegnante di Educazione Fisica, appassionato di montagna, sempre alla scoperta di nuove mete. Ho fondato, con amici, la Compagnia della Cima. Sono attento all'educazione dei giovani, andando spesso in montagna con gruppi numerosi.

Meraviglioso!

Meraviglioso! La bella Canzone di Domenico Modugno Meraviglioso  E’ vero credetemi è accaduto di notte su di un ponte guardando l’acqua scura con la dannata ...