Crolla il buco sulla vetta di Punta Fourà

Crolla il buco sulla vetta di Punta Fourà

Articolo di Guido Novaria comparso su “La Stampa” il 28 giugno 2016

Sparito il caratteristico foro sulla celebre cima posta al confine fra valle Orco e Valsavarenche

IMG_1417

Il caratteristico foro si vede sulla destra della foto

“Come nelle Dolomiti o nel Gruppo del Monte Bianco. Anche nel Gran Paradiso la montagna crolla. Colpa dell’invecchiamento delle rocce o, più probabilmente, dei cambiamenti climatici. A farne le spese, questa volta, è stato uno dei luoghi-simbolo per gli alpinisti che frequentano il Gran Paradiso: a crollare è stato il buco posto sulla cima di Punta Fourà, a quota 3411 metri. Si è frantumato qualche giorno fa, dopo un violentissimo temporale. Colpa di tuoni e fulmini? I geologi sono scettici: «Più facile spiegare il crollo con il cedimento della montagna».

593033

Foro in primo piano (foto tratta da Internet)

Punta Fourà è considerata la prima vetta importante del gruppo del Gran Paradiso sullo spartiacque fra Valle Orco e la Valsavarenche. Così viene descritta sulle guide: «Punta Fourà culmina con una cresta rocciosa praticamente orizzontale, il cui punto più elevato è formato da un blocco sotto il quale si apre un foro di suggestiva bellezza, che ha dato il nome alla montagna. Fourà, per l´appunto, forata, forse per magia, oppure per chissà quale altro strano fenomeno di erosione, rocce staccate che pressate fra loro formano un ammirevole quanto stupefacente arco, che sfida le leggi della fisica, contrario ad ogni logica della ragione, come solo la natura sa creare e dalla cui sommità lo sguardo può spaziare lontano, libero a perdita d´occhio».

Chi sale a Punta Fourà si ferma quasi sempre sull’anticima, dove è posta una croce. Per raggiungere la vetta e poter così rimirare l´«Arco nella roccia», occorre invece superare difficoltà alpinistiche nell’ordine terzo grado, con passaggi parecchio esposti. Punta Fourà è forse il miglior punto di osservazione sul Gran Paradiso e sulle punte vicine: il panorama spazia dalle Levanne alle punte francesi della Vanoise, fino ai 4000 valdostani. Venne conquistata la prima volta nel 1867 da Martino Baretti accompagnato da Andrea Blanchetti, guida alpina di Ceresole. Entrambi furono affascinati da quel buco sotto la vetta. «Anche la nostra montagna cambia, ma noi continuiamo ad amarla» dice la guida alpina emerita di Ceresole, Franco Rolando”.

IMG_1355

Punta Fourà, vista dalla becca di Monciair

IMG_1257

Punta Fourà, foto luglio 2016

P.S. Bellissima montagna che ho avuto la fortuna di salire più volte, il panorama dalla cima è vastissimo.

Punta Fourà

About author

Roberto Gardino

Sono un insegnante di Educazione Fisica, appassionato di montagna, sempre alla scoperta di nuove mete. Ho fondato, con amici, la Compagnia della Cima. Sono attento all'educazione dei giovani, andando spesso in montagna con gruppi numerosi.

Col cuore a 4000 metri

Vacanza in montagna di una comunità sudamericana, articolo di Michele Faldi su TRACCE n.6 Giugno 2005  Cosa c’è di diverso nella vacanza di una comunità ...