Colle di Chavannes

  • Destinazione: Colle di Chavannes
  • Zona alpina: Alpi Graie [sez. 7]
  • Regione: [IT] Valle d'Aosta
  • Gruppo montuoso:
  • Valle: La Thuile (Vallone di)
  • Difficoltà: E
  • Data: 24/06/2014
  • Traccia GPX: Non disponibile
  • Partenza: Hotel Planibel
  • Altitudine partenza: 1860
  • Altitudine arrivo: 2603
  • Dislivello: 743
  • Attacco percorso: strada sterrata dopo l'alpeggio di Porassey
  • Esposizione: prevalente est
  • Punti di appoggio: nessuno
  • Hotel: Planibel

Uno splendido belvedere sull’alta Val Veny e sul gruppo del Monte Bianco al fondo del Vallone di Chavannes.

Itinerario

Dal piazzale antistante il Planibel a La Thuile per il Colle di Chavannes scendere verso il ponte sulla Dora e girare a destra sulla SS26 del Piccolo San Bernardo e dopo una serie di tornanti prendere a destra la carrozzabile, prima dell’abitato di Pont Serrand, Orgère-Chavannes. La strada è stretta e quasi sempre asfaltata, in taluni punti un po’ rovinata, richiede attenzione nella guida.

Si prosegue fino ad arrivare prima dell’Alpe Porassey (1866 m) dove occorrerà parcheggiare l’auto, prima ci sono due costruzioni diroccate, una a destra e una a sinistra, conviene dopo aver girato l’auto solo sul lato destro di salita. Si supera l’alpeggio e dopo qualche centinaio di metri la strada svolta decisa verso destra e appare, almeno in parte, il vallone di Chavannes. Il percorso è tutto su sterrato che sale dolcemente all’inizio, senza difficoltà alcuna. La strada sterrata da percorrere è visibile e oltrepassata la grande curva della valle anche la meta del colle è visibile di fronte a chi cammina. Il percorso è quello dell’Alta Via n. 2.

IMG_7735

Vallone di Chavannes

IMG_7743

Indicazione di sentiero

Si arriva dopo un lungo tragitto al bivio per l’Alpe Chavannes di Mezzo dove si tiene la destra e si prosegue sulla strada che in questo tratto sale ripida con una serie di tornanti e in circa 1 ora e 50 minuti dalla partenza si arriva all’Alpe Chavannes Superiore preceduta da un bivio a destra per il Mont Fortin, si passa dietro la costruzione continuando sulla strada.

IMG_7755

Alpe di Chavannes superiore

Via via che si sale la strada diventa sempre più stretta fino a trasformarsi in sentiero, il n. 11, a inizio stagione si possono trovare nevai.

IMG_7748

Indicazione di sentieri

Nel vallone stupende fioriture di viole, ranuncoli, genziane e genzianelle, silene, campanule gialle e altro ancora.

IMG_7760

Fioriture

IMG_7761

Prima di giungere al colle si incontra sulla destra un altro sentiero che scende dal Mont Fortin.

IMG_7762

Deviazione per il Mont Fortin

Subito dopo occorre prestare attenzione poiché il sentiero per un brevissimo tratto è franato. Si vede la casamatta militare appena sotto il colle e in breve tempo si giunge alla meta in circa 40 minuti dall’Alpe di Chavannes.

Lo spettacolo è mozzafiato sull’alta Val Veny con l’Aiguille des Glaciers, l’Aiguille de Trélatête, il Monte Bianco, e in primo piano in basso Les Pyramides Calcaires.

IMG_7765

Al Colle di Chavannes

IMG_7770

Monte Bianco in primo piano

Vedi anche Monte Bianco via normale italiana.

Al colle, dove conviene portare un abbigliamento che ripari dal vento, talvolta si possono vedere stambecchi.

IMG_7785

Stambecchi

 Ritorno

Per la stessa strada, in circa due ore si è al punto di partenza; un bello scorcio in discesa è quello sul Mont Percé (2844 m). Alla sera è un pullulare di marmotte.

IMG_7789

Mont Percé

Chavannes

About author

Roberto Gardino

Sono un insegnante di Educazione Fisica, appassionato di montagna, sempre alla scoperta di nuove mete. Ho fondato, con amici, la Compagnia della Cima. Sono attento all'educazione dei giovani, andando spesso in montagna con gruppi numerosi.