Caporal, combinazione Itaca nel sole e Tempi moderni

  • Destinazione: Caporal
  • Zona alpina: Alpi Graie [sez. 7]
  • Gruppo montuoso:
  • Regione: [IT] Piemonte
  • Valle: Valle dell'Orco
  • Difficoltà: RS2, A1
  • Data: 09/07/2015
  • Traccia GPX: Non disponibile
  • Partenza: Noasca
  • Altitudine partenza: 1319
  • Altitudine arrivo: 1680
  • Dislivello: 361
  • Attacco percorso: uscita della Galleria - Noasca/Ceresole Reale
  • Esposizione: sud-sud-est
  • Punti di appoggio: Le Fonti minerali - Ceresole Reale

Scalata magnifica sul Caporal, via Itaca nel Sole + Tempi Moderni 200 metri; RS2/II 6c+; (5c/A1 obbl). Itaca nel sole è una grande classica dell’arrampicata ed è stata aperta  da Gian Piero Motti e Guido Morello, nell’anno 1975. Tempi moderni è stata aperta nel 1972 da Ugo Manera, Gian Piero Motti e Guido Morello.

caporal

Parete sul Caporal per Itaca nel sole e Tempi moderni

Note

Magnifica scalata, impegnativa e continua, icona dell’inizio e in qualche modo della fine del “Nuovo Mattino” nella Valle dell’Orco. “Tempi moderni” fu la prima via ad essere aperta al Caporal nel 1972, da una cordata di eccezione: Ugo Manera, Gian Piero Motti e Guido Morello. Nel 1975 Motti tornò con Morello e disegnò “Itaca nel sole” sulle grandi placche centrali, facendo ricorso ai chiodi a pressione.

Accesso

Da Noasca imboccare la galleria per Ceresole Reale e reperire sulla sinistra l’uscita/varco del parcheggio del Caporal.

Sviluppo via

Lasciata l’auto salire il ripido zoccolo che conduce Alla base del Caporal individuando l’attacco della via presso una caratteristica fessura, su un pilastrino a triangolo rovesciato tra due camini.

img551

Marco Blatto al Caporal

Salire la fessura 4b (sovente bagnato) fino a un terrazzo dove si traversa a destra. Salire un diedro atletico 5b raggiungendo dopo una lama una placca. Non seguire gli spit (Tapis roulant) ma traversare a destra una placca fino alla S1. Poi salire la fessura che costituisce il bordo sinistro dell’Orecchio del Pachiderma 4a e rizzarsi sulla punta della lama 5a proseguendo per due fessure parallele 6a fino alla S2. Seguire una fessura 6a fino a quando questa muore contro una placca compatta. Superarla 6c (chiodi a pressione alternati a spit) o A1 su staffe, per poi traversare a sinistra senza protezioni fino alla S3 5a.

Di qui si continua lungo “Tempi moderni”. Salire la breve fessura di “Rattle snake” 5b o a sinistra la via originale su un muretto 6c o A1; proseguire lungo dei gradini sostando a metà di un diedro S4. Quindi salire il diedro atletico 6a sostando all’uscita su una placca (S5). Salire la placca incisa da un fessurino 5c fino a un chiodo a pressione, da cui si traversa a destra  nel diedro 6a. Poi salire il diedro strapiombante 6c+, uscendo in placca di nuovo incisa da un fessurino. Seguirlo 5c fino una cornice che consente di uscire sulla placconata finale, dove vi è la sosta di calata.

Discesa

In doppia lungo la via

Materiale: in posto ci sono pochi spit, chiodi a pressione degli anni ’70 e chiodi tradizionali. Portare una serie completa di friend, nut e staffe se si sale in artificiale.

Note e info dettagliate:  Valle dell’Orco – Maurizio Oviglia edizioni Versante Sud

About author

Punta Basei Compagnia della Cima

Punta Basei

Domina un “luogo simbolo del Piemonte”, la Punta Basei, cima panoramica sul gruppo del Gran Paradiso, sulle montagne della Val di Rhêmes e sulla Vanoise. ...