Andar per la vita così come si va per monti

Tratto dall’editoriale di Emanuele Boffi del numero di gennaio 2021 della bella rivista mensile Tempi (http://www.tempi.it):  Augurio per il 2021 – Andar per la vita così come si va per monti

Ringraziamo Tempi per la gentile concessione.

Fabio Baroncini con Angelo Scola

«Cammina l’uomo quando sa bene dove andare», dice la canzone, non quando c’è la pioggia o il sole. Il tempo che ci è dato è quello per raggiungere la vetta, dunque è sempre prezioso, anche quando è inclemente.

Un grande amico ci ha lasciato sul tramonto dell’anno passato, si chiamava Fabio Baroncini e, come scrive Giancarlo Cesana su Tempi, «non era un prete famoso, ma il primo soldato che don Luigi Giussani ricordava del suo “esercito”». Lui, questa vicenda del tempo la sapeva bene. Era un gran montanaro Baroncini e, come ogni buona guida, ha saputo “dettare il passo” a generazioni e generazioni di giovani, mai scandalizzandosi dei limiti di nessuno, ma sempre spronando chiunque a sopportare la fatica, a guardare la cima, a “tenere il ritmo”.

Tenere il ritmo

Diceva così:

«Vivere la montagna educa l’uomo a guardare il reale per quello che è: a volte duro, tremendo, altre volte meraviglioso. Essa non cela la sua bellezza, ma neppure fa sconti alla fatica: d’altra parte, sconti non possono essere concessi. All’uomo che vi si impegna, essa svela tutto il valore della realtà e della sua variegata composizione e diventa perciò oggetto di stupita contemplazione.

Il dono che si riceve vivendo pienamente e umilmente la montagna è la consapevolezza di quanto la nostra sia una semplice presenza a qualcosa di più grande, e ci libera così dalla sicumera di volerle imporre i nostri schemi. Andare per monti permette quindi di sperimentare e di accrescere le proprie capacità di affrontare in modo adeguato le varie difficoltà della vita (paura compresa) e parallelamente la disposizione a coglierne la bellezza.

Giunti in cima alla vetta la soddisfazione merita una festa: l’importante è che, scendendo, con l’acquietarsi del desiderio, non si cada nel tranello di veder esaurita la ricerca prima ancora di avercela fatta. La maturità aiuta a dare la misura giusta al tempo.

Sulla cima dello Chaberton

La scelta dei compagni coi quali andar per monti è fondamentale: io vado con chi sa andare come me e che, fraternamente, mi sa anche aiutare quando sono in difficoltà».

About author

Becca di Nona

Becca di Nona

La fiera scudiera dell’Emilius, la Becca di Nona che domina la città di Aosta: si sale partendo da Pila e arrivando prima al Lago di ...